navigation
content

Fornitore delle prestazioni

Da Giugno 2002, data dell’entrata in vigore dell’Accordo sulla libera circolazione delle persone, si è consolidata una collaborazione duratura tra l’Istituzione Comune LAMal e numerosi fornitori di prestazioni secondo art. 35 LAMal. Essendo sempre di più le persone provenienti degli stati membri UE o dall’Islanda, Norvegia o dal Lichtenstein (AELS) che beneficano di trattamenti sanitari in Svizzera, è più importante che mai una buona e corretta collaborazione tra tutte le parti coinvolte.

Il compito più vasto svolto dall’Istituzione Comune LAMal è rappresentato dal coordinamento internazionale dell’assicurazione malattia. Nell’attuazione dell’Accordo riveduto sulla libera circolazione delle persone e dell’Accordo AELS, l’istituzione Comune LAMal funge sia da organismo di collegamento sia da istituzione sostitutiva di aiuto reciproco in materia di malattia, maternità e infortunio non professionale. L’obiettivo dell’assistenza reciproca in materia di prestazioni è di facilitare la libera circolazione transfrontaliera delle persone nello spazio UE/AELS.

Nell’ambito dell’assistenza reciproca internazionale, persone affiliate a un’assicurazione malattia pubblica di uno stato UE/AELS, in Svizzera ricevano prestazioni per trattamenti secondo le disposizioni LAMal, a condizione che esibiscono un attestato di diritto della loro assicurazione malattia. I fornitori di prestazioni sono tenuti a garantire a una persona proveniente dall’UE o dall’AELS le stesse prestazioni previste per legge alle medesime condizioni cui ha diritto una persona assicurata in Svizzera. In caso di trattamento, il diritto alle prestazioni, le tariffe applicabili e la partecipazione ai costi si conformano pertanto alle norme svizzere in materia di assicurazione malattie. L’Istituzione Comune LAMal chiede alle assicurazioni malattie straniere il rimborso delle spese da lei pagate in prima istanza ai fornitori di prestazioni per i trattamenti.

Informazioni per i fornitori di prestazioni